FRAGILE ROCCIA di William Emilio Cerritelli

   William Emilio Cerritelli, è nato a Chieti nel 1953. Brillante allievo di docenti del calibro di  Salvatore Valitutti, Vittorio Bachelet, Aldo Moro, Federico Caffè ed altri si è  laureato presso  l’Università “La Sapienza” di Roma in Scienze Politiche, per poi perfezionare i suoi studi al Tavistock Institute of Human Relations di Londra, allievo prima  e quindi amico fraterno di William Gordon Lawrence,  recentemente scomparso. Il suo percorso professionale ha spaziato dal primo incarico presso il Censis fino ad incarichi presso UNICEF, ILO, IFAD, FAO, UNOPS, UND. Attualmente vive in Brasile, da dove continua a viaggiare in tre continenti per il suo lavoro, oggi principalmente basato sul policy making e la valutazione di grandi progetti. 

Amante della scrittura  sin dagli anni  giovanili, propone  ora, grazie alla casa editrice  “ Tabula Fati”  di Marco Solfanelli, con la collana “ a lume spento” , il volumetto di poesie “FRAGILE ROCCIA” che reca in copertina l’immagine suggestiva ed evocativa di antiche emozioni,  de La Piedra del Sol , conservata presso il Museo Nazional de Antopologia e Historia di Città del Messico.

Nella pregevole presentazione del volume,  a cura di Lucia Vaccarella, si chiarisce come in questi versi c’è “un’eco prolungata di illusioni che si stemperano, come tutto il resto nel fluire del tempo”. “La poesia di William Cerritelli, - scrive Vaccarella – vuole esse l’ombra d quel piccolo nucleo di speranze, un’ombra che si è allungata  fino a sparire nella sera della vita”. Non a caso l’autore confessa al lettore che questi versi sono l’elaborazione di “memorie affiorate lentamente” ed in fondo – si legge nella prefazione – la poesia di Cerritelli è “radicata nella storia, ma protesa verso un orizzonte ideale che trascende la storia, inventandola, o almeno giustificandola”.

La post-fazione di Franco Pasquale è piuttosto una “lettera all’amico “, un incoraggiamento e un ringraziamento al poeta per il dono dei suoi versi.

Il libro è dedicato all’indimenticabile Valerio, fratello dell’autore, e all’amico Gordon (maestro di sapere e di sogni).

 

   Franco Pasquale

Contributo pubblicato il 12 luglio 2015.